zuppa di cavolo nero

Il tuo soggiorno invernale a Volognano

Quando si parla di Firenze e dintorni di solito vengono in mente lunghe passeggiate primaverili o estive in cerca di occasioni di shopping nel capoluogo toscano, visite ai musei o lunghi pranzi nelle campagne del Chianti. Tutto vero, e tutto bellissimo. Ma trascurare la ricchezza che questo territorio ha da offrire durante la stagione fredda sarebbe un vero peccato.

Se hai in mente un fine settimana in pieno inverno lontano dai ritmi quotidiani, un’occasione per ristorarti con cibi caldi, meditare con un buon calice di rosso e – perché no – concederti il lusso di farti cucire un abito su misura godendo di una delle tradizioni sartoriali più affermate del Belpaese, un soggiorno a Volognano coccolati con l’aiuto dei nostri consigli è quello che fa per voi.

Il piatto. Una volta arrivati e accolti nel nostro castello il venerdì nel pomeriggio o in serata, potreste optare per una cena interamente preparata dal nostro personal chef. Le soluzioni più o meno tradizionali o più o meno rivisitate, con i sapori regionali portati al massimo livello, non mancano. Ci sentiamo però in questo caso di indicarvi un piatto vegetariano (ma certamente di sostanza): la zuppa di cavolo nero. Si tratta di un alimento, oltre che buonissimo, ricco di sostanze antiossidanti e anticancro, ottime per prevenire anche le patologie cardiache. Cucinata con fagioli secchi, sedano, carote, cipolle, patate, conserva di pomodoro e naturalmente olio extra vergine di oliva made in Volognano, questa ricetta dà il massimo se cucinata subito dopo le gelate invernali, quando la consistenza delle foglie del cavolo è ottimale.

zuppa di cavolo nero

Il vino. Tra i vini prodotti a Volognano il Noi – Chianti Colli Fiorentini DOCG con il suo rosso rubino, la sua intensità e persistenza morbida ed equilibrata è quello che vi suggeriamo di abbinare a questo tipo di ricetta. Servito intorno ai 18 gradi, è l’ideale anche per trattenersi per una lunga chiacchierata del dopo cena.

Le attività. Dopo un bel riposo in una delle nostre due suites, o magari in una stanza a scelta tra Donna Livia, Sole, Signora Anna o Vittoria, il sabato può essere il giorno buono per una bella escursione. A circa 30 minuti di auto da Volognano potrete trovare l’Abbazia di Vallombrosa, al tempo stesso un eremo e un monastero che impreziosisce una delle aree boschive più belle e rappresentative della Toscana. Nella sua pianta a croce latina potrete apprezzarne i richiami barocchi e vivere un momento di spiritualità, immersi nel silenzio delle campagne circostanti.

Abbazia di Vallombrosa

Il prodotto. Tornando verso Volognano l’idea di fermarsi per uno spuntino slow presso la Bottega a Rosano è da considerare certamente. Tra le tante specialità regionali che vi troverete, il clima rigido autorizza a osare una deliziosa soprassata toscana, completamente priva di conservanti.

Lo shopping. Dopo la natura e il raccoglimento, un sano pomeriggio di acquisti. E non è detto che “shopping” debba essere sinonimo di stress e confusione. Passare un po’ di tempo presso la boutique della Sartoria Rossi a Firenze per scegliere i capi e gli accessori che preferite, o optare direttamente per un abito su misura caratterizzato da uno stile che racchiude tutta l’esclusività della lunga tradizione dell’alta moda italiana è decisamente consigliabile. Un trionfo di ricercatezza e comfort.

 

Sartoria Rossi Firenze

Il food. Infine, la cena del sabato sera. All’Osteria Tripperia Il Magazzino di Luca Cai, in Piazza della Passera, l’opzione vegetariana del venerdì sarà un lontano ricordo. Insieme ai tanti piatti tipici toscani tra cui potrete scegliere, il menù riserva infatti un tesoro che negli ultimi anni è stato riscoperto e riproposto prepotentemente dalla cucina italiana, anche rivisitata: il lampredotto. Un sapore forte e deciso, ottimo per il periodo invernale, a cui – nel caso vogliate optare per una soluzione più soft – potrete preferire l’ottima trippa alla fiorentina, anch’essa cucinata in modo superbo.

La domenica è il giorno dei saluti. Prima di ripartire per tornare al vostro quotidiano, però, a Volognano vi aspetta, magari dopo una breve passeggiata nel freddo pungente delle campagne limitrofe, un ricco pranzo domenicale al Castello, con tanto di dessert accompagnato da un sorso di Aetius, il nostro vino dolce ottimo da degustare anche con formaggi erborinati. Ma di questo parleremo meglio alle prossime occasioni…

 


Il tuo soggiorno invernale a Volognano

Periodo dell’anno: Week-end in inverno (verifica le nostre disponibilità)

Ricetta da non perdere: Zuppa di cavolo nero cucinata dal personal chef di Volognano

Vino in abbinamento: Noi – Chianti Colli Fiorentini DOCG

Prodotto locale consigliato: Soprassata toscana della Bottega a Rosano

Negozi e shop a Firenze e dintorni: Sartoria Rossi, via Porta Rossa, 33/red, 50123 Firenze

Paesaggi e itinerari in zona Volognano: un itinerario naturalistico tra i 14 disponibili nella zona dell’Eremo di Vallombrosa

Locali e food: Osteria Tripperia Il Magazzino di Luca Cai

Festival Suoni e colori in Toscana a Volognano: la gallery fotografica

“Per me” e “Per te”: a novembre la presentazione dei nuovi vini made in Volognano

Volognano riprende e aggiorna la sua tradizione vinicola lanciando le nuove etichette Per me Per te, rispettivamente un blend IGT rosso invecchiato in legno, deciso e persistente pensato per gli ospiti della struttura e un bianco IGT pensato per chi vuole portarsi e degustare a casa propria un bouquet fresco e speziato, dal mood tropicale maturato brevemente in legno. La presentazione dei nuovi arrivati è prevista per novembre.

Qui di seguito le principali caratteristiche dei due vini.

• Per me (rosso – IGT 2016) 

Provenienza: prodotto dagli storici vigneti della fattoria, di proprietà della famiglia Pecchioli dal 1957, situati nelle vicinanze della città di Firenze.

Vitigni: Sangiovese e Cabernet Sauvignon 

Gradazione alcolica: variabile tra i 13% e i 14% by vol.

Vinificazione: Le migliori uve selezionate manualmente vengono messe a fermentare in contenitori d’acciaio ad una temperatura controllata di 22 °C per circa 10 giorni. La fermentazione malolattica avviene naturalmente nella cantina di vinificazione; al termine di essa i vini ottenute da uve di Sangiovese e Cabernet, sempre separati, vengono portati nella cantina di invecchiamento. Inizia quindi il processo di invecchiamento di almeno 12 mesi nelle botti di rovere da 17 hL per il Sangiovese e in barrique da 225L per il Cabernet. Al termine del processo di invecchiamento i vini vengono assemblati dopo un’attenta valutazione delle caratteristiche organolettiche del prodotto e affinati in bottiglia per almeno 6 mesi prima della commercializzazione.

Note degustative: Colore intenso dalle note violacee. All’olfatto questo vino presenta tutte le caratteristiche derivanti dall’invecchiamento in legno, impatto deciso e ottima persistenza. Aromi caratteristici delle uve di provenienza vengono esaltati dal blend. Elegante al palato e allo stesso tempo di intensa struttura polifenolica, questo vino si abbina bene con piatti dai sapori complessi come carni rosse, e cacciagione. 

• Per te (bianco IGT 2017)

Provenienza: prodotto dagli storici vigneti della fattoria, di proprietà della famiglia Pecchioli dal 1957, situati nelle vicinanze della città di Firenze.

Vitigni: Chardonnay e Malvasia Toscana (in piccole percentuali)

Gradazione alcolica: 13% by vol.

Vinificazione: Le uve vengono pressate delicatamente, il mosto viene chiarificato e dopo 24 ore a inizio la fermentazione alcolica a temperatura controllata.
Conclusa anche la fermentazione malolattica il vino viene fatto riposare per circa 2 mesi in piccoli contenitori d’acciaio per poi essere trasferito in botti di rovere da 225L dove resterà per un periodo di circa 3/4 mesi. Imbottigliato al termine della primavera il vino viene commercializzato dopo un breve affinamento in bottiglia.

Note degustative: Colore giallo intenso. Note aromatiche decise di frutta tropicale e spezie derivanti sia dalle uve di provenienza che dalla breve maturazione in legno. Al palato il vino risulta persistente e comunque caratterizzato da un’ottima freschezza derivante dalle note acide tipiche di un vino bianco. Si consiglia l’abbinamento con piatti a base di sughi di pesce, formaggi di media stagionatura e carni bianche.

Volognano • Vin santo del Chianti

Aetius – Vin santo del Chianti DOC

Vino caratteristico della tradizione toscana, ottenuto con i vitigni tipici del Chianti: Trebbiano Toscano e Malvasia del Chianti.

Le uve scelte accuratamente in vigna vengono fatte appassire sui caratteristici “cannicci”, nelle soffitte della fattoria per circa quattro mesi. Successivamente vengono spremute e messe a fermentare ed affinare in piccole botti di rovere (“caratelli”) per almeno quattro anni. Il vino presenta un colore giallo ambrato con profumo etereo e intenso , con note di uva passa, fico secco e mandorla, sapore armonico ed equilibrato. È vino da fine pasto o in accompagnamento con pasticceria secca e crostate, eccellente anche con formaggi di media stagionatura.

Volognano • Olio extravergine di oliva

Olio extra vergine di oliva

Olio di categoria superiore ottenuto direttamente dalle olive e unicamente mediante procedimenti meccanici.

Viene prodotto con olive di varietà frantoiomoraiolo e leccinoraccolte a mano, nel mese di novembre direttamente negli oliveti della fattoria. Di colore verde con riflessi dorati e dal profumo fruttato intenso con note di erbe selvatiche, risulta al gusto leggermente piccante, gradevolmente amarognolo. L’Olio, non filtrato, può formare un piccolo strato di sedimenti per effetto naturale.

Volognano • Grappa del Chianti

Grappa del Chianti

Dalle vinacce dei vitigni del Chianti nasce questo distillato dal carattere forte e deciso con aromi e profumi intensi. Questa grappa porta con se tutto il calore della terra del Chianti.

  • Grappa da vinacce del Chianti
  • Prodotto: grappa di vinacce di uve atte alla produzione di vino Chianti
  • Materia prima: vinacce fermentate di prima spremitura provenienti dalla zona del Chianti
  • Vitigni: Sangiovese, Canaiolo nero, Trebbiano toscano e Malvasia del Chianti
  • Metodo di distillazione: distillazione continua a vapore diretto e ridistillazione delle flemme alcolichecon colonne sottovuoto
  • Affinamento: 6\12 mesi in serbatoi di acciaio inox
  • Aspetto: cristallino Profilo aromatico: stimolante, persistente
  • Gusto: intenso, equilibrato con sensazioni finali leggermente fruttate
  • Gradazione alcolica: 40% vol
  • Temperatura di servizio: 9\12°C
  • Bicchiere consigliato: tulipano.

Rosso da tavola

Ottenuto da una base di uve Sangiovese, prodotte ad un’altitudine di 400m con sistema guyot. La fermentazione, alcolica e malolattica, avviene in contenitori di cemento, ed è seguita da un’affinamento in bottiglia. Si presenta di colore rosso rubino brillante, all’olfatto è fresco, profumato con note fruttate e dal gusto amabile. E’ un vino che si accompagna bene ad arrosti di carni rosse, pollame e minestre di verdura. La gradazione alcolica media è di 12 gradi. Si consiglia di servirlo alla temperatura di 16/18° C.

  • Zona di produzione: Rignano sull’Arno (Fi).
  • Uvaggio: Sangiovese, canaiolo.
  • Altitudine: 400m slm.
  • Sistema di allevamento: guyot.
  • Suolo: prevalentemente argilloso.
  • Densità d’impianto: 8.000 piante/ettaro.
  • Resa per ettaro: 50 quintali/ettaro.
  • Periodo di vendemmia: metà Settembre- primi di Ottobre.
  • Fermentazione: fermentazione alcolica e malolattica in contenitori in cemento.
  • Affinamento: in bottiglia.
  • Colore: rosso rubino brillante.
  • Olfatto: vino fresco e profumato con note fruttate.
  • Gusto: amabile.
  • Temperatura di servizio: consigliata 16°\18° C.
  • Gradazione alcolica: 12,3% vol.
  • Abbinamenti consigliati: carni in genere, pollame, minestre di verdure, pizze varie.

 

È possibile acquistarlo in cantina nei seguenti orari:
Mercoledì e giovedì pomeriggio (14,00 – 18,00)  /  Sabato mattina (08,30 – 12,30)
Degustazioni su richiesta

Volognano • bianco Toscana IGT

Donna Patrizia – IGT Bianco di Toscana

Vino ottenuto con uve di Trebbiano e Malvasia del Chianti. Le uve vinificate con l’impiego di moderne tecniche enologiche conservano tutte le loro caratteristiche. Alla visita si presenta giallo paglierino con profumo delicato e caratteristico dal sapore armonico ed equilibrato. È un vino che si abbina bene con antipasti e piatti di pesce. Si consiglia di servirlo alla temperatura di 10° C.

  • Zona di produzione: Rignano sull’Arno (Fi).
  • Uvaggio: Trebbiano, Malvasia del Chianti, Chardonnay.
  • Altitudine: 400m slm.
  • Sistema di allevamento: guyot.
  • Suolo: prevalentemente argilloso.
  • Densità d’impianto: 8.000 piante/ettaro.
  • Resa per ettaro: 60 quintali/ettaro.
  • Periodo di vendemmia: Settembre.
  • Raccolta: manuale, e con una accurata selezione dei grappoli migliori.
  • Fermentazione: la fermentazione alcolica della durata di circa 15 giorni, è stata effettuata tramite l’inoculo di lieviti selezionati, dopo aver separato il mosto fiore dalle vinacce. In seguito viene imbottigliato per preservare i profumi ed il gusto.
  • Colore: giallo paglierino.
  • Olfatto: delicato e caratteristico.
  • Gusto: armonico ed equilibrato dal caratteristico aroma dell’uva d’origine.
  • Temperatura di servizio: 10° C.
  • Gradazione alcolica: 11,5% vol.
  • Abbinamenti consigliati: è un vino che si abbina bene con antipasti e piatti di pesce.
Volognano • Rosso Toscana IGT

Baccante – IGT Rosso di Toscana

Ottenuto dalla vinificazione di uve Sangiovese e Merlot. Prodotto nel migliore vigneto della Fattoria. La favorevole esposizione e natura argillosa del terreno consentono di ottenere un prodotto di grande qualità e personalità. Il vino affinato in piccole botti di rovere per circa 12/14 mesi e successivamente lascianto maturare in bottiglia si presenta di colore rosso rubino intenso, profumo ampio e resistente, fruttato con leggere note speziate. Equilibrato e di buona struttura si accompagna bene con arrosti e carni rosse. Si consiglia di servirlo alla temperatura di 18° C.

  • Zona di produzione: Rignano sull’Arno (Fi), le uve per la produzione di questo vino provengono dal vigneto situato nella zona di produzione più prestigiosa dell’azienda.
  • Uvaggio: Sangiovese e Merlot.
  • Microclima: variabile per le differenti zone, ma generalmente caratterizzato da estati calde e secche con le alte oscillazioni di temperatura tra il giorno e la notte che favoriscono un processo ottimale di maturazione dell’uva.
  • Altitudine: 400 m slm.
  • Età dei vigneti: variabile. Le vigne più vecchie risalgono al 1975 ma la maggior parte della produzione proviene dalle vigne che sono state ripiantate e che possiedono sistemi meccanizzati.
  • Sistema di allevamento: guyot.
  • Suolo: prevalentemente argilloso.
  • Densità d’impianto: 8.000 piante/ettaro.
  • Resa per ettaro: 50 quintali/ettaro.
  • Periodo di vendemmia: primi giorni di Ottobre. Baccante viene prodotto attraverso la scelta meticolosa dei grappoli migliori.
  • Fermentazione alcolica: la fermentazione alcolica della durata di circa 15-18 giorni è stata effettuata tramite l’inoculo di lieviti selezionati, con attento monitoraggio della macerazione fermentativa sulle bucce, allo scopo di effettuare una buone estrazione del colore e del profumo.
  • Fermentazione malolattica: condotta in modo naturale.
  • Maturazione: dopo aver completato la fermentazione malolattica il vino viene fatto maturare in piccole botti di rovere per circa 12\14 mesi.
  • Affinamento: in bottiglia prima dell’immissione in commercio, per minimo 4 mesi.
  • Colore: rosso rubino intenso.
  • Olfatto: profumo ampio e persistente, fruttato con leggere note speziate.
  • Gusto: vino di corpo, gradevole per equilibrio ed armonia della parte alcolica con quella dell’acidità e dei tannini, presenti, ma sapientemente distribuiti.
  • Temperatura di servizio: 18° C.
  • Gradazione alcolica: 12,5% vol.
  • Abbinamenti consigliati: consigliato con carni rosse, arrosto e alla brace, cacciagione, brasati, formaggi stagionati.